Ju-jitsu: Flessibilità, fisica e mentale

Maestro Ju-Jitsu: Andrea Caretti 5° Dan

Maestro Ju-Jitsu: Andrea Caretti 5° Dan

È la madre delle arti marziali giapponesi. Comprende al suo interno tecniche di proiezione, di immobilizzazione, leve articolari, colpi con ogni parte del corpo, rivolti ai punti vitali e ai centri nervosi dell’avversario, con lo scopo di sottometterlo nel minor tempo possibile, e con il minimo dispendio di energia.
Il significato dell’ideogramma JU si riferisce alla flessibilità, fisica e mentale, che richiede e dona la pratica, all’uso della decontrazione muscolare, del rilassamento psico-corporeo che permette il compenetrarsi nella mentalità dell’avversario, per volgere la forza dell’attacco contro l’aggressore. Il Jujitsu è un’arte di combattimento corpo a corpo, contro uno o più avversari, ma prevede difese da ogni tipo di arma, e l’utilizzo delle armi tipiche del guerriero samurai.
Nato sui campi di battaglia giapponesi, popolo di statura minuta e non dotato di grande forza fisica, per sopravvivere in ogni condizione, è utilizzato da vari corpi speciali, e si presta alle esigenze della difesa personale odierna: pur sviluppandole nella pratica, non richiede doti atletiche particolari, è praticato da persone di varia età e dalle donne, che sono spesso favorite dalla loro struttura fisica, più cedevole e flessibile, nell’apprendimento avanzato.

Ju-jitsu: Il morbido vince il duro

Ju-Jitsu sesto fiorentino

Vuoi partecipare ad una lezione? Compila il modulo

Invia richiestaclear

  • Telefono: 055.4210214

  • Cellulare: 339.5425705

  • info@renbukan-dojo.it

  • Via Giacomo Leopardi, 64/6 Sesto Fiorentino FI